09 Ott
ePrice Seller Day

E-Price Seller Day 2018: un Resoconto

Giornata ricca di spunti e di promettenti incontri quella di ePrice Seller Day 2018 a cui abbiamo avuto il piacere di prender parte come espositori e speaker, a Palazzo delle Stelline a Milano lo scorso 4 Ottobre. EPrice è il primo marketplace italiano, con 4 milioni di clienti e partner di  brand e venditori soprattutto nel settore high tech ed elettrodomestici, in costante crescita. Il suo appeal e convenienza sia per i sellers che per i clienti finali è dovuto ai metodi di consegna su misura per le varie tipologie di customers, ai molteplici e sicuri sistemi di pagamento e alla disponibilità di molti servizi di integrazione tramite gestione manuale o API. Chi sceglie EPrice inoltre può contare su team di supporto dedicato e di una copertura mediatica della piattaforma soprattutto in concomitanza con particolari promozioni come la “Black Hour” del 2017 o “Back To Freedom” (la campagna di ePrice per il Back To School). EPrice Seller Day è stata l’occasione per ricordare le ultime sponsorizzazioni della piattaforma: F.C. Internazionale (di cui sarà “Online Retail Partner” per i prossimi 3 anni) e il concerto Radio Italia Live dello scorso giugno a Milano.

Evoluzione ePrice Seller Day

Una breve storia dell’evoluzione di ePrice

L’evento si è aperto in mattinata con una review dell’evoluzione nel corso degli anni della piattaforma ePrice.  Il responsabile Marketplace, Leonardo Costa, ha ripercorso i passi della piattaforma dal lancio della versione beta nell’agosto 2014 con la presenza di 5 venditori iniziali. Il primo acquisto ad andare a fine – ricorda – fu il suo dopo 5 minuti che il sito era presente sul web.  Già il mese successivo fu attivato “Pick & Pay ®”, il servizio a marchio ePrice che permette di prelevare l’ordine nei punti di ritiro predisposti, generalmente senza costi aggiuntivi. Nel giugno 2015 venne poi lanciata la versione completa di ePrice con già 500 sellers. Gli altri step successivi  hanno riguardato un’espansione nei metodi di pagamento: dall’ottobre del 2016 si possono utilizzare carta di credito e bancomat presso i punti “Pick & Pay ®” e dal dicembre scorso il marketplace supporta anche PayPal. Come Qapla’ abbiamo avuto la soddisfazione di esser citati nella timeline evolutiva di ePrice. Da maggio 2018, infatti, il marketplace utilizza il tracking di Qapla’ per monitorare l’arrivo della merce al cliente e procedere in modo immediato al pagamento del Merchant. Come dichiarato da ePrice, Qapla’ ha infatti rispettato i requisiti di progetto dello store leader dell’ eCommerce italiano: minimo impatto per i sellers, modifiche minime sui flussi di gestione e soprattutto un servizio più efficiente per i clienti. Usufruendo di Qapla’, ePrice ha la possibilità di conoscere in modo esatto e “premiare” i Merchant più celeri e accurati nelle spedizioni.

Obiettivi per il prossimo futuro di ePrice sono, tra i vari, uno sviluppo maggiore delle nuove categorie di prodotti (Arredo, Design, Giocattoli), mettere a disposizione dei venditori uno strumento per contribuire alla creazione delle schede prodotto, aumentare il traffico per i Sellers e offrire ai clienti Marketplace gli stessi servizi dei clienti in vendita diretta, come l’installazione.

Internazionalizzazione su ePrice: tutte le nuove opportunità di crescita

ePrice Seller Day: Partner esteri
 

A ePrice Seller Day sono stati annunciati 3 accordi commerciali chiave per aprire il mercato estero a chi già vende in Italia su ePrice. Il marketplace italiano infatti è entrato in collaborazione con il francese Cdiscount, il tedesco real.de e il rumeno eMAG.

Cdiscount è il maggiore marketplace francese con ben 3,4 mld € di fatturato, 10.400 venditori e 8,6 mln clienti attivi. In vendita principalmente elettrodomestici e elettronica, ma anche food, arredamento e prodotti  per la casa. Il mercato eCommerce francese è di grande attrazione essendo il secondo europeo per volume, con una crescita annuale prevista del +10% all’anno fino al 2021.

Real.de ha un assortimento quasi senza limiti di prodotti: ben 13 mln a catalogo, dall’elettronica al giardinaggio, dalla moda a biciclette e scooter, giocattoli, articoli per la casa e altro ancora (dunque più generalista rispetto a ePrice e Cdiscount). Real.de conta anche su ben 280 ipermercati fisici.

Infine, il rumeno eMAG può aprire a uno dei mercati eCommerce in più rapida crescita in Europa, con tanto spazio per nuovi player. Il Marketplace può comunque già contare su più di 12.500 sellers e 4,26 mln di clienti attivi. La piattaforma copre ben il 50% della quota di mercato elettronico rumeno ma è anche riferimento per il mercato bulgaro. eMAG mette a disposizione dei merchant un gestore portafoglio clienti totalmente in lingua inglese.

Sistemi di pagamento più sicuri e efficienti su ePrice

La seconda parte della mattinata di ePrice Seller Day ha visto presentare una tavola rotonda sui pagamenti su marketplace a Roberto Garavaglia, consulente strategico nel settore dei sistemi di digital payments e autore di “Tutto su Blockchain”. Sono intervenuti Paytipper, rappresentato da Angelo GrampaHipay nella persona di Paola Trecarichi e Banca Sella, che presentava il suo hub dei pagamenti fisici e digitali Axerve.

E’ emersa la necessità di uniformare a livello europeo la normativa sulle modalità di digital payments, proprio adesso che sta cambiando a livello nazionale. E’ infatti necessario che la soluzione adottata per un marketplace sia, oltre che efficiente ed efficace, riconosciuta come sicura dalle Autorità competenti per ricevere la fiducia dei consumatori. Tale sicurezza non deve mai compromettere, tuttavia, la semplicità delle operazioni di checkout e completamento dell’acquisto online. Mantenere questo equilibrio è una delle linee guida di Paytipper, che dichiara di aver realizzato una “soluzione sartoriale” proprio per ePrice: i seller del marketplace infatti possono aprire dei conti di pagamento presso Paytipper dove verranno accreditati i proventi delle vendite online e dove possono costantemente monitorare gli incassi provenienti da tali transazioni. HiPay, invece, si offre come gateway europeo (e non solo) che mette a disposizione i differenti metodi di pagamento richiesti in ogni paese. Specializzazione inoltre su prevenzione frodi, processi automatizzati di riconciliazione finanziaria e messa a disposizione di dati e strumenti di analisi. Axerve vuole creare una soluzione omni-channel tra experience in-store e online: il POS Axerve è abilitato per tutti i principali metodi di pagamento digitale, compresi Google Pay, Apple Pay, Samsung Pay o Alipay e permette di trasformare device come tablet in POS portatili.

 

Torniamo dall’evento con ottime sensazioni sui nuovi sviluppi della piattaforma ePrice, che la consolidano nella sua leadership di marketplace italiano, e sulle grandi prospettive per l’apertura dei nuovi mercati francese, tedesco ed est-europeo.

Visita il nostro sito per informazioni riguardo all’integrazione con ePrice e con gli altri marketplace: https://www.qapla.it/come-funziona-qapla/.

Commenti